….Detroit Become Human videogioco da urlo….


Fino a 10 o 15 anni fa i videogiochi traevano ispirazione da film o serie tv per trovare una ambientazione plausibile, con Detroit Become Human, un videogioco da urlo, accade il contrario.

Spesso, come per la serie call of duty, o si rivolgevano alla storia – ne è un esempio la versione WW e WWII – o da storie che senza clamore alcuno richiamavano a film già visti al cinema in contesti futuribili con storie futuribili, ma questo non è il caso di Detroit Become Human.

Negli anni la giocabilità ha sentito l’esigenza di evolversi verso un più suggestivo realismo con l’interazione tra giuoco e giocatore, finanche il giocatore potesse determinare con le proprie decisioni l’esito del gioco stesso.

I miei ricordi di bambino hanno ancora vivide immagini di schermi arrotondati nei quali i giuochi si muovevano in due dimensioni.

Da destra verso sinistra o al più dal basso verso l’alto – erano gli anni in cui Amiga si contendeva il primato con Commodore, gli anni in cui avere una delle due piattaforme era comunque un privilegio non da tutti.

Vi confesso io avevo un Commodore 64 dove i giochi erano registrati su delle casette e il più ambito era galaxy o pool – biliardo – quindi immaginate il salto esponenziale quando sul pc uscì per la prima volta Fifa.

Se ci ripenso oggi abbiamo schermi piatti che al proprio interno nascondono veri pc ultra performanti.

Un tempo per collegare un pc alla tv di casa c’erano cavi e cavetti che una volta collegati poi per trovare il canale di collegamento dovei sintonizzarsi sul D 6 della tv per poter iniziare a giocare.

Le tv avevano lateralmente lo schermo, dei comandi con lettere e numeri per esempio rai 1 stava su A1, il Commodore sta su D 6, idem l’Amiga 500.

A quest’ultimo va dato un merito non da poco e cioè che essendo uscito poco dopo il Commodore il suo lancio lo fece con giochi diventati mitici come street fighter.

I creatori dell’amica alzarono il tiro e produssero un effetto di trascinamento verso giochi più reattivi e creativi.

Per parlare di Fifa come gioco dobbiamo attendere il 1998.

Ciò che il mondo dei giochi aveva fornito fino a quel momento era poco allettante tant’è che con Fifa finalmente si passò a una dimensione più raffinata e dei giocatori fino a quel momento estremamente squadrati e piatti. Ricordo sensibile Soccer poi virtual Soccer Pes.

Certo l’arrivo nel 1994 della prima playstation aveva dato un forte contraccolpo al mercato dei giochi per pc superando di balzo sia SEGA che Nintendo perché in un unico console aveva capito di dover superare la tecnologia dei CD Rom per giochi introducendo per prima quelle delle mitiche cartucce.

Il vero salto sulla giocabilità lo si ha solo quando iniziano a comparire sul mercato acceleratori di grafica mediante schede che rendono più fluidi e dinamici i giochi stessi anche su pc.

Ad ogni modo il verro passo in avanti lo si ha con l’arrivo della Playstation che con ogni nuova versione, poi ha sempre aumentato il livello di qualità.

Col tempo, molte aziende ridussero le uscite per i pc, anche perché contemporaneamente fu lanciata la console Microsoft X BOX che nelle intenzioni doveva in breve tempo surclassare la playstation.

Un sorpasso che a distanza di 20 anni e più non c’è stato, tant’è che ancora oggi si contende senza un vero primato il mercato con la play 4.

In tutto questo continuo crescendo, le vere battaglie tra consolle erano sui giochi, sulla grafica e sul realismo in essi presenti.

Per anni ad esempio Fifa come gioco di calcio è stato nettamente indietro rispetto a PES nella considerazione dei gicatori.

Un vero cambiamento c’è stato quando i programmatori di per iniziarono a collaborare con Fifa tanto che la situazione si sovvertì in breve tempo.

Le alternative ai giochi sportivi, erano sopratutto gli sparatutto.

I precursori furono call of duty, rainbow six, metal gear, tomb raider, dove col tempo, al semplice algoritmo sparo e uccido, si sono aggiunti anche altri algoritmi per i quali poi il gioco stesso ha iniziato a percorre strade meno ripetitive e molto più intuitive.

Questa strada ha segnato il percorso a altri giochi dove il verismo – il principio per cui un gioco possa coinvolgere il giocatore in un atmosfera realistica perchè verosimile – è diventato elemento cardine.

Ecco allora che l’ambientazione di questi nuovi giochi, ha optato per ambienti molto reali e prossimi al nostro mondo.

Contesti con un estremo studio dei dettagli che servissero da cornice a storie estremamente verosimiglianti ai nostri occhi.

Tanto per fare degli esempi penso a last of us – a giugno dovrebbe uscire il 2 – lo stesso call of duty con Kevin Spacey, battlefild 4, Uncharted, oppure late of shift dove attori umani recitano in un video gioco stupendo.

Tutti giochi davvero prodigiosi, ma dopo aver provato Detroit, sarà davvero dura per gli altri arrivare a questi confini.

Infatti credo che con DETROIT si sia di nuovo segnato il passo sulla qualità visiva corroborata da uno storytelling che fa di un buon prodotto un prodotto irraggiungibile per molti anni.

La storia oltre a intrecciarsi con la possibilità sempre di determinare il prosieguo, pur essendo priva di elementi esplosivi a disposizione dei personaggi

– il giocatore assiste a scene di sparatorie ma se si fanno determinate scelte è molto improbabile che ne sia esecutore –

è talmente ben fatta da trascinarti in un racconto che ti conquista in modo entusiasmante.

Splendida occasione per riflettere su un possibile futuro prossimo, che poi è parte integrante del gioco stesso.

La presenza degli androidi che chiedono pari dignità umana ai propri creatori – gli uomini – solleva domande sulla nostra società di carattere morale.

Ogni giorno viviamo le differenze sociali, etniche, culturali, economiche, eppure o ci voltiamo altrove, o peggio ancora releghiamo altri a pulirci la coscienza affidandola a essi.

Per questo, pensare che questi temi possano arrivare alla mente e all’attenzione dei giovani tramite un gioco, non può che trovare tutto il mio consenso.

Lo credo fortemente perché rispetto a giochi dove la coscienza non viene sollecitata, Detroit become human osa arrivare ai cuori dei nostri ragazzi con temi e tempi graduali.

Tocca le corde emotive ma anche e sopratutto sollecita le coscienze su riflessioni etiche.

Se nelle intenzioni dei creatori di Detroit Become Human, fatto esplicitamente ed esclusivamente per ps4, c’era l’intenzione di raggiungere livelli mai visti prima , beh ci sono riusciti alla grandissima.

Con esso hanno segnato finalmente e definitivamente il passo da semplici giochi di intrattenimento a storie complete di ispirazione per giovani e per il cinema, il cinema si perché questo gioco merita un film con dei grandi attorie con il film anche dei premi.

Detroit il più bel gioco di sempre!

Un gioco che è un momento di riflessione!