REDDITO DI CITTADINANZA TRA VERITÀ E…….

Uno dei temi più caldi tra la gente è sul reddito di cittadinanza se abbia funzionato o se sia stato un totale fallimento.

Come sempre ci si rivede tanto in uno quanto nell’altro schieramento e così ci si divide in una contesa accesa e ben poco costruttiva.

Per avere una chiara idea bisogna partire dall’analisi dei motivi per cui è stato voluto e dalle condizionali fa cui era stato soggetto sin dall’inizio.

Nato per sostenere le difficoltà del mondo del lavoro con un patto tra ministero e cittadino, prevedeva l’inserimento di 3000 navigator che avrebbero dovuto con i centri per l’impiego favorire l’accesso al lavoro.

Sin da subito qst componente, vuoi per il ritardo con cui i navigator sono stati inseriti, vuoi perché i CPI non funzionano da anni, vuoi poi per la pandemia, ha mal funzionato ma resta comunque un importante step da cui ripartire.

Per un corretto funzionamento andrebbe rifondato il mercato del lavoro oggi saturo di società di selezione che prendono incentivi dallo stato per false selezioni che poi non portano a nulla.

I centri per l’impiego spesso servono solo a chi ci lavora perche per tanti motivi non hanno numeri soddisfacenti alla funzione per cui sono nati, e la concorrenza con le società private è tale da renderli incapaci di avere competitività.

Se davvero si volesse rendere qst strumento funzionale si dovrebbe partire dal superamento di qst difetti strutturali ma anche da un altro errore che sin dall’inizio permane e che il m5s avrebbe potuto facilmente superare.

In tanti hanno definito assistenzialista la misura, i dubbi sono legittimi non tanto perché in effetti sembrerebbe esserlo quanto più perché si è venuta a sovrapporre a un’altra misura esistente piuttosto che inglobarla.

Mi riferisco ovviamente al REI – reddito inclusione – voluto dal governo gentiloni e che le forze di quel governo volevano da esso si ripartisse.

Ad oggi il REI costa circa 2 mld di euro che sommati ai 5,7 del RDC gravano sullo stato per circa 8 mld anno, una cifra enorme che giustifica anche secondo me un giudizio assistenzialistico di entrambi.

Il REI ha parametri di erogazione eccessivamente stringenti ma comunque tali da essere più selettivi nel principio di erogazione scongiurando così il rischio di un intervento a pioggia come poi avvenuto col RDC.

Se si fosse ripartito da qst principi forse, anzi senza forse, oggi parleremo di una misura erogata con criteri più seri e meno propagandistici, perché in verità non ha sconfitto la povertà ma di certo ha reso più umana la vita a molti.

Che il RDC non ha sconfitto la povertà è verità in parte, già perché da qnd c’è i numeri dei consumi nelle fasce più deboli sono aumentati.

Parliamo di numeri nelle spese comuni, spesa quotidiana tanto quanto costi energetici, o anche spese medico specialistiche, ad ogni modo parliamo di spese per le quali prima non potendole sostenere tutte, quelle fasce deboli erano costrette a tagliarne oltre il 70%.

Parliamo di una misura che anche nei numeri permetteva di qst giacche il REI non dava cifre tali da essere sufficienti a farlo.

Alla fine il giudizio che do di qst misura è che per quanto vero come molte cose potevano essere fatte meglio, ad ogni modo resta una misura giusta, proprio perché ripartendo dal patto per il lavoro, con interventi mirati, in un momento così critico può essere una risposta seria alla crisi del lavoro stesso.

Inoltre con accorgimenti più selettivi, il Rdc può essere ciò che in altri paesi esiste già, ovvero un percorso che, con una seria riforma dei CPI e la cancellazione dei finanziamenti a pioggia delle società di selezione, crea le condizioni per un mercato dinamico del lavoro.

Aiutare le famiglie da parte di uno stato non e assistenzialismo perché i soldi che vengono dati rientrano comunque in circolo e aiutano imprese, aziende e molto altro a avere continuità lavorativa.

Il mondo cambia ogni giorno e quel cambiamento non può prescindere dal principio per cui o siamo attori partecipo al cambiamento o siamo comparse.

Preferisco essere attore e nell’esserlo, propormi come interlocutore del cambiamento stesso.

RDC E REI debbono essere trasformati in una misura unica partendo da criteri selettivi più strutturati del secondo, integrando tutto il meccanismo del patto per il lavoro del primo e contestualmente favorendo una riforma dei CPI seria e immediata, questo sì che sarebbe un vero cambiamento per sconfiggere la povertà.

Pubblicato da

RodolfoTrinchi

Mi emozionano le cose belle della vita, come tornare a casa e trovare mia figlia di due anni sulla porta di casa ad attendermi e accogliermi con il suo sorriso e la sua vocina che mi urla papà!!!!! Ma allo stesso mi emoziono al pari nel sentire mia figlia grande leggere in inglese alla sola età di 4 anni, o vedere mia moglie prendersi cura di entrambe con grande amore. le emozioni che mi vengono dalla mia vita personale sono il motore pulsante con cui affronto il lavoro, un energia inesauribile che alimenta la mia passione per questo lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *