La giovinezza di un popolo, è una ricca vecchiaia!

Onestamente sarebbe da chiedersi quali – se ve ne sono – le differenze tra chi più di 80 anni fa bruciava libri nelle piazze, e chi oggi in nome di quale verità assoluta – assolute lo erano anche quelle per le quali si bruciavano quei libri – demolisce statue nelle piazze!

Nel momento stesso in cui una società senta il bisogno di cancellare il proprio passato piuttosto che, sopratutto in tempi bui, ricordarlo per non ripeterlo, a me sembra una società che nasconde la testa sotto la sabbia per non affrontare i drammi dei propri tempi!

Non so se rinascendo oggi, Cesare Pavese sarebbe ancora convinto che la giovinezza di un popolo celi una ricca vecchiaia,l.

Di certo fa effetto vedere come siano proprio quelle popolazioni relativamente giovani a voler prendere le distanze dal loro passato con azioni che quel passato vogliono cancellarlo piuttosto che renderlo indelebile alle generazioni che verranno così da evitare che si ripeta!


Perché vedete, alla fine ciò che conta – oggi che viviamo tempi bui disseminati da forme di odio di vario genere, dove il negare è parte stesso del vivere, tempi nei quali ogni conquista della civiltà viene messa in discussione finanche a destabilizzare sistemi e paesi interi –

non è superare il proprio passato, finanche rinnegandolo, ne alimentare le differenze con azioni eclatanti,

oggi ciò che conta davvero è conoscere il proprio passato per vivere al meglio il proprio presente, e costruire così un futuro più luminoso per i nostri figli.

Concludo completando la parte più bella di quella frase di Cesare Pavese, perché se è vera la provocazione finale citata, altrettanto vero sono i principi presenti nell’introduzione di quel pensiero.

Direttamente da “Il Mestiere di Vivere!”:

… Quando un popolo non ha più un senso vitale del suo passato si spegne. La vitalità creatrice è fatta di una riserva di passato. Si diventa creatori -anche noi- quando si ha un passato……. Cesare Pavese

Il passato è parte integrante della nostra esistenza, cancellarlo o demolirlo porta ogni individuo a spegnersi.

https://www.repubblica.it/esteri/2020/06/10/news/usa_statue_colombo_abbattute_e_vandalizzate-258873826/

Pubblicato da

RodolfoTrinchi

Mi emozionano le cose belle della vita, come tornare a casa e trovare mia figlia di due anni sulla porta di casa ad attendermi e accogliermi con il suo sorriso e la sua vocina che mi urla papà!!!!! Ma allo stesso mi emoziono al pari nel sentire mia figlia grande leggere in inglese alla sola età di 4 anni, o vedere mia moglie prendersi cura di entrambe con grande amore. le emozioni che mi vengono dalla mia vita personale sono il motore pulsante con cui affronto il lavoro, un energia inesauribile che alimenta la mia passione per questo lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *