+39 392 52 00 615 studiotrinchi75@gmail.com

28
Gen

Un pò di buono

Ciao a Tutti oggi voglio parlarvi un pò della mia cucina e per farlo vi darò un paio di ricette semplici semplici ma molto saporite che potrete fare a casa vostra senza troppo impicciare la cucina.

Iniziamo dalla prima che è abbastanza veloce da preparare e che per prelibatezza rispecchia molto le nostre tradizioni marinare, si tratta di un orata di mare da ca 1,2 kg pulita e sfilettata, se non avete le giuste attrezzature in casa fatelo fare al pescivendolo assicurandovi, mentre lo fa che non tolga troppa carne quando provvederà a eleiminare la pelle. una volta sfilettato, fatevi riconsegnare la spina e la testa pulite ed intere.tornate a casa tagliate a listarelle sottili una zucchina e una carota precedentemente pulite, adagiando la spina nel fondo di una teglia su un foglio di carta forno, disponete alternando i filetti di orata alle listarelle di zucchina e carota come nella foto allegata. condite con olio evo,  origano e sale e infornate in un forno gia caldo a 200 gradi per circa 10-15 minuti, il tempo varia dalla dimensione dei filetti e delle carote, pertanto se si avrà uno spesso superiore a 1 cm il tempo aumenterà.
Forse l’ordine non sarà dei migliori ma anche se trattasi di un primo veniamo allas econda ricetta di oggi, un piatto per il qiuale copnsiglio una pasta a lenta lavorazione come la Rummo oggi facilmente reperibile in alcuni supermercati.

Trattasi di spaghettoni con scampetti asparagi di mare e bottarga, tutti ingredienti che le pescherie piu fornite hanno, con un costo abbastanza abbordabile. Pulite risciacquando abbondantemente gli scampetti, incideteli sul dorso senza romperli e ripassateli velcoemente in una padella dove avete fatto rosolare e d’orare un aglio in olio evo. A questo punto versateci gli scampetti e fateli scottare per uno due minuti, poi aprite a metà 5/6 pomodorini e aggiungeteli alla cottura insieme agli asparagi di mare puliti e lavati, cucoceteli per circa 10 minuti, aggiungendo a metà cottura una spruzzata di vino bianco chardonay. A fine cottura scolate la pasta con un minuto di anticpo rispetto al tempo indicato sulla busta versatela nella padella saltate unendo del buon olio evo a crudo in modo da favorire una giusta cremosità.

Impiattate e aggiungete a vostro gusto personale della buona bottarga a lamelle sottili, ma se non doveste trovarla optate per mezzo cucchiaino di bottarga grattugiata di orbetello presidio slow food. Tocco finale del prezzemolo finemente tritato.

Leave a Reply